INSIEME PER DIRE BASTA ALL’INFINITA CATENA DI FURTI

Appello dopo il furto nella chiesa della marina nella notte tra il 19 e il 20 dicembre 2018

Non possiamo più far finta di niente. Troppi furti nella nostra piccola comunità, l’ultimo in un luogo – simbolo, che appartiene a tutti, la Chiesa di Acquappesa marina. Il parroco e i suoi collaboratori chiedono un segnale forte, che faccia capire che non vogliamo ne’ possiamo rassegnarci alla devastazione del nostro territorio. Invitano le autorità civili e militari e tutti i cittadini, credenti e non, a partecipare alla manifestazione pacifica e silenziosa, organizzata per MARTEDI’ 26 DICEMBRE alla ore 17.00, presso il piazzale della chiesa Sacro Cuore di Gesù in Acquappesa marina. Non ci sarà bisogno di parole, la VOSTRA PRESENZA sarà la vera VOCE. Infine, Una PAROLA AGLI AUTORI dei furti: Non conosciamo i vostri volti ne’ sappiamo cosa vi spinge a compiere simili gesti, se la “necessità” o il “vizio”, sappiamo però con certezza che state percorrendo una strada sbagliata che non vi dà pace. Condanniamo senza mezzi termini il vostro operato e Pregheremo per voi Gesù Bambino, perché vi faccia capire la gravità del gesto sacrilego, compiuto con il furto in un luogo sacro. Vogliamo anche dirvi che la comunità parrocchiale è sempre aperta a tutti e, quindi, anche ad accogliere voi e ad ascoltarvi, se decidete di voler risolvere il vostro disagio eistenziale. Il parroco Giacomo Minervino e i suoi collaboratori.

 

Post di Francesca Rennis dopo la manifestazione

La comunità parrocchiale solidale con il parroco don Giacomo Minervino dopo il furto nella chiesa del Sacro Cuore di Gesù alla marina di Acquappesa, si riunisce a raccolta per manifestare il proprio diritto alla serenità e sicurezza. Un clima improntato sulla speranza di un recupero di valori di convivenza civile, accoglienza, collaborazione. La manifestazione voluta dal parroco e dai suoi collaboratori si è svolta tra canti natalizi e luci di candele accese. Solo le parole del parroco hanno scandito la idee fondamentali. ”C’è incertezza e disagio – ha detto nell’incontro di oggi pomeriggio – di fronte ai quali non possiamo rimanere indifferenti. Ci troviamo qui per dimostrare una sensibilità tale per vedere come salvaguardare le giovani generazioni da scelta distruttive. Cerchiamo di ritrovarci tutti uniti e di comunicare tra noi. Vorrei che cominciassimo a confrontarci su questi temi. Giorno 7 ore 17 invito le persone di buona volontà e che vogliono bene a questo paese e soprattutto per salvaguardare le nuove generazioni ad incontrarci. L’invito è rivolto alle forze dell’ordine, alle istituzioni e associazioni e cittadini interessati anche con idee diverse, superando divisioni e diversità di veduta, a risolvere i problemi sulla sicurezza”. All’incontro, voluto anche dai collaboratori parrocchiali, erano presenti oltre a tanti cittadini, il sindaco Giorgio Maritato, il vicesindaco Pino Spanò, il capogruppo di minoranza Massimiliano De Caro, il presidente della proloco Giancarlo Fata e rappresentanti delle forze dell’ordine.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento