Giornata del ricordo delle vittime della strada

Da alcuni anni la terza domenica di novembre è stata scelta dagli organismi internazionali quale “GIORNATA MONDIALE DEL RICORDO DELLE VITTIME DELLA STRADA”, con lo scopo di sensibilizzare, soprattutto i giovani, sul valore della vita e sulla necessità di un comportamento responsabile alla guida.
Sono infatti sempre più numerose le vittime degli incidenti stradali, in genere provocati dalla velocità eccessiva, dall’incoscienza e da un comportamento di guida scorretto e sprezzante di ogni regola.
Sono molti i giovani, e non solo, che si sentono “padroni” della strada e troppo sicuri delle proprie capacià di guida e allora corrono, corrono sempre più veloci, spesso spinti dall’uso di alcool e di droghe. Non mancano quelli che si avventurano in spericolate e pericolosissime gare di velocità su strade regolarmente trafficate.
Dobbiamo proprio rassegnarci all’irresponsabilità di questi comportamenti o è possibile sperare in un’azione educativa che, gradualmente, operi un’inversione di tendenza?
Il catechismo della Chiesa cattolica al n. 2290 scrive: “coloro che, in stato di ubriachezza o per uno smodato gusto della velocità, mettono in pericolo l’incolumità altrui e la propria sulle strade…, si rendono gravemente colpevoli”. Anche se non fanno vittime.

Cosa ne pensi? Per lasciare un commento prima registrati (vai alla pagina iniziale – home – sulla destra nella parte inferiore clicca su registrati e segui le istruzioni).

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento